Il chirurgo vascolare

Il chirurgo vascolare è uno specialista che si occupa di tutti i problemi circolatori, arteriosi e venosi, escluso il cuore. Ha un campo di specializzazione estremamente vasto, perché le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte al mondo, ancora più dei tumori, e buona parte di questa mortalità  è proprio legata a problemi di circolazione. Alla figura dello specialista vascolare è spesso, erroneamente, attribuita competenza solo per il trattamento della patologia venosa. In realtà  gran parte della sua attività  è inerente alle gravi malattie che colpiscono il sistema circolatorio arterioso.

Quattro le aree di intervento del chirurgo vascolare:

  • Patologia stenoostruttiva delle carotidi, per la prevenzione e la terapia dell’ictus.
  • Patologia aneurismatica in senso lato, cioè non solo degli aneurismi toracici, toracoaddominali o addominali, ma anche di tutta la patologia aneurismatica dei vasi periferici.
  • Patologia stenoostruttiva periferica degli arti inferiori, quindi ischemie critiche, salvataggi d’arto, trattamento del piede diabetico, e poi campi che si stanno sempre più affermando, come la vulnologia, ossia il trattamento delle ulcere vascolari.
    Accessi per emodialisi, dalle semplici fistole arterovenose ai loop più complessi.
  • Patologia venosa, quindi tutti i problemi dell’insufficienza venosa acuta (flebiti) e cronica, comprese le varici degli arti inferiori.

*Tratto dalla Società Scientifica di Chirurgia Vascolare

 

Dott Rino Fantini Chirurgo Vascolare
Dott. Valtiero Fregonese Chirurgo Vascolare